Correva l’anno 1970. Presso l’istituto di chirurgia d’urgenza dell’ospedale maggiore di Milano, in collaborazione con il reparto di anestesia e rianimazione e col patrocinio del comune di Milano, venivano istituiti i primi corsi di primo soccorso, sulla scia di quanto già avveniva in altri paesi europei: stava avvenendo la nascita ufficiale dell’Associazione Italiana Soccorritori.

L’Associazione Italiana Soccorritori oggi è un’associazione Nazionale di volontariato, suddivisa in più sezioni indipendenti che operano sull’intero territorio italiano, senza fini di lucro, e si prefigge lo scopo di sostenere, coordinare, promuovere, creare e dirigere iniziative nel campo sociale, assistenziale, educativo e di protezione civile. Il suo scopo principale è quello di diffondere tra la popolazione la preparazione teorica e pratica al primo soccorso, in modo che si riesca ad acquisire una preparazione di base sufficiente ad affrontare le quotidiane situazioni di emergenza ed essere anche in grado di affrontare l’inaspettato, durante quei minuti interminabili che ci separano dall’arrivo degli equipaggi del Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica (SUEM 118).

Nel comune di Marostica, l’associazione Italiana Soccorritori è presente dal 1986. È un’associazione di volontariato che, oltre a promuovere ed organizzare corsi di primo soccorso e rianimazione cardio-polmonare per i cittadini, corsi di BLS-D per il corretto utilizzo del defibrillatore, esercitazioni pratiche e incontri di aggiornamento sui più disparati temi inerenti il primo soccorso, mette a disposizione la presenza dei suoi iscritti, con ambulanza e materiale di primo soccorso, per prestare assistenza sanitaria in occasione di qualsiasi manifestazione sportiva, comunitaria, folcloristica o di altra natura.